Curiosità sul mondo della moda

Condividi:

Dieci curiosità sulla moda che forse non sai.

1)Dalle civiltà mesopotamiche fino al 400 d.C. circa, le gonne erano indossate da entrambi i sessi. Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente fino all’alto Medioevo, esse vennero sostituite dalla tunica, andando mano a mano a scemare e restando prerogativa di donneclero.

6101976
http://arte-immagine.weebly.com/

2)La rivista che per la prima volta tratta di moda, è il Mercure Galant, fondato in Francia nel 1672. Il settimanale si occupava d’informazione generale ed era rivolto ad un pubblico di soli uomini.

3)Fino alla fine dell’Ottocento, gli abiti di colore nero, erano riservati esclusivamente ai lutti ed ai domestici.

ladys_maid_-_1
http://bibliotecaromantica.blogspot.it/

4)Ad Hong Kong, in Cina, esiste una facoltà dedicata interamente allo studio ed alla progettazione dei reggiseni.

5)Già nella Preistoria le collane erano uno speciale ornamento. Esse venivano realizzate con le ossa degli animali uccisi durante la caccia.

090515003
http://www.eyongs.com/

6)Prima della nascita delle sfilate di moda, le ultime tendenze del momento circolavano attraverso dipinti, bambole e stampa.

7)L’abito nuziale era anticamente in velluto e di colori sgargianti. Fu adottato in bianco dopo il 1840, quando la regina Vittoria, lo indossò per le sue nozze.

abiti-da-sposa-medievali-oscar-de-la-renta-2013
http://www.cafeweb.it/

8)Il nome “Jeans” deriva da “Gênes”, Genova in francese.
Il tessuto infatti, venne ideato, in Italia, per coprire le merci provenienti dal famoso porto.

9)Gli Ugg, gli stivali in montone, sono nati come “stivali da spiaggia”, con lo scopo di riscaldare i piedi ai surfisti, dopo il contatto con le acque ghiacciate.

946322-p-4x
http://www.zappos.com/

10)Non appena uscito, usare il Bikini in Italia, era un vero e proprio scandalo. I poliziotti facevano multe salate alle donne che osavano mostrare troppa pelle.

marilin-bikini4
https://claudiagrazianofashiondesigner.wordpress.com

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *